VIA (Valutazione Impatto Ambientale) nel turismo:

con Nessun commento

Come già più volte accennato l’attività turistica spesso ha come oggetto un ambiente naturale e di conseguenza genera un mutamento o comununque una modifica del luogo stesso.
Sicuramente non è  facile capire, studiare e valutarne gli effetti, tant’è vero che nonostante siano stati fatti diversi studi non vi è un vero e proprio “metodo” da seguire così come non esistono modelli di valutazione di impatto ambientale (VIA) generalmente accettati.

La VIA è un procedimento mediante il quale si cerca di verificare che un dato progetto possa svilupparsi limtandone e controllandone gli effetti negativi sull’ambiente.
E’ una valutazione atta a mettere in evidenza le conseguenze di un dato intervento per poter quindi, nel caso, modificare il progetto prima ancora che esso sia posto in essere senza dover arrivare al punto di cercare di correggere gli errori dopo che il progetto sia stato avviato. E’ importante quindi applicare questo procedimento anche per quanto riguarda gli sviluppi di progetti turistici.
Nel caso in cui si voglia avviare uno studio sugli effetti del turismo, in seguito allo sviluppo di un’attività, bisogna tenere in considerazione molti  fattori e disporre, ovviamente, di una serie di dati con cui potersi rapportare nel momento in cui si cerca di mettere in luce i cambiamenti avvenuti, come ad esempio le condizioni prima dello svolgimento di un’attività (per avere un dato con cui confrontarsi), un inventario della flora e della fauna,.

Ma vediamo alcuni effetti ambientali, positivi e negativi, che possono essere generati dal turismo.
Positivi:
-Protezione di aree naturali, spiagge e costiere, come la Grande Barriera Corallina ad esempio
-Creazione di parchi nazionali
Restauro e preservazione di strutture storiche, siti e monumenti
-Conservazioni di foreste.
-Sensibilizzazione ambientale sia dei cittadini che dei turisti

Negativi:
-Aumento della caccia e della pesca con effetti quindi sulla fauna e sulla flora
-Vegetazione distrutta o danneggiata
-Eccessiva produzione di rifiuti e imporprie forme di smaltimento e quindi inquinamento del suolo,idrico,atmosferico,acustico
-Deturpazione,erosione,danneggiamento di antichi monumenti ad opera dei turisti
-Deturpazione del paesaggio.

Perchè effettuare una Valutazione di Impatto Ambientale?

Perchè la protezione dell’ambiente deve essere messa al primo posto ed inoltre con uno sviluppo errato correggere poi gli effetti nocivi del turismo ,ammesso che sia possibile,  costerebbe enormemente di più che non proteggere l’ambiente fin dall’inizio. E’ quindi importante che una valutazione sia fatta il più precocemente possibile. Se una valutazione risultasse essere negativa sarà meglio modificare o anche annullare un progetto di sviluppo piuttosto che cercare di rimediare dopo che il progetto è stato avviato.

Una valutazione di impatto ambientale può essere fatta in diversi modi e può anche variare in base alla motivazione. Può essere fatta per per calcolare l’impatto su un singolo eco-sistema ma anche per una singola specie rara ad esempio,oppure per mettere in luce sviluppi alternativi che permettano di utilizzare al meglio le risorse in modo da massimizzare i benefici economici e ridurre le conseguenze sull’ambiente.
Durante una valutazione ambientale dovrebbero essere valutati anche una serie di effetti i indiretti. Per fare un esempio pratico: se il turismo aumenta si deve considerare anche l’eventuale danno apportato dall’aumentare della produzione dell’industria edilizia e a sua volta gli effetti sulle cave che forniscono materiale ai costruttori, gli effetti dell’aumento trasporti e così via.
Una VIA (valutazione impatto ambientale) eaminerà:
-Le procedure di monitoraggio ambientale
-Le limitazioni alle risorse naturali
-I problemi ed i conflitti ambientali che possono influire sulla vitalità del progetto
-Tutti i possibili effetti nocivi sulla flora, la fauna, l’acqua, l’aria, le persone, i paesaggi ecc. nell’area del progetto o che sono influenzati da esso.
per poi  confrontarli, in modo particolareggiato, con alcuni indicatori ambientali.

La VIA ha acquisito sempre più importanza e molti enti internazionali hanno espresso la loro volontà nel di sviluppare un approccio rispettoso dell’ambiente in diverse dichiarazioni (come Agenda 21).
Purtoppo non esistono modelli generali di VIA, ma probabilmente un approccio che utilizza il modello  input-output potrà fornire una prospettiva di modello universalmente accettabile.

Ulteriori Info sulla V.I.A.:
Ministero dell’ambiente

Wikipedia

(fonti: Tourism: Principle and Practice.C.Cooper,J.Fletcher,D.Gilbert,R.Shepherd, S.Wanhill)
Condividi questo post con:
  • Facebook
  • Twitter
  • Wikio IT
  • LinkedIn
  • del.icio.us
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Google Buzz
  • Technorati
  • email
  • Add to favorites

Lascia una risposta