Settore Turismo in Italia: l’impatto economico nel 2011 e previsioni

con 2 commenti

Nel corso del 2011 il turismo in Italia ha generato un notevole impatto economico e, seppur in modo minore rispetto a tempi meno recenti, sicuramente maggiore rispetto al 2010.
Impatti economici Diretti
Secondo il WTTC  nel 2011 il contributo diretto (quindi escludendo quelli indiretti e indotti) al PIL italiano del settore viaggi e turismo è stato €51,4 miliardi (che rappresenta il 3,3% del PIL). Questo dato, leggermente superiore rispetto al 2010, dovrebbe scendere dell’1,6%, scendendo quindi ad un valore di circa 50,6miliardi, nel corso dell’anno corrente (2012). Questo dato riflette principalmente l’attività economica generata dall’industria turistica e quindi  alberghi, agenzie di viaggi, compagnie aeree e altri servizi di trasporto passeggeri (esclusi i servizi strettamente legati ai pendolari), ma comprende anche altre strutture  come ristoranti e affini  e strutture di svago toccate direttamente dal turismo. Le stime, ovviamente da intendere come indicazione generale, sono orientate a valori maggiori entro il 2022, difatti il contributo diretto al PIL del settore viaggi e turismo in Italia nei prossimi 10 anni è previsto essere del 3,5% ossia circa 61,2 miliardi di euro.

-Impatto sull’economia Totale (inclusi, quindi anche gli impatti indiretti+ indotti)

Includendo non solo gli impatti generati in modo diretto ma anche quelli indiretti e indotti, il contibuto totale del Turismo al PIL in Italia è stato di €136,1 miliardi ( 8,6% del PIL) nel corso del 2011 ed è stimato arrivare a rappresentare l’8,8% del PIL entro il 2022 (156 mld di euro).

-Occupazione generata dal settore Viaggi e Turismo nel 2011

Occupazione diretta:

Nel 2011 il settore del turismo in Italia ha generato  868,500 posti di lavoro inseriti in modo diretto nel settore come in hotel, compagnie aeree, agenzie di viaggi e altri servizi (includendo anche servizi di divertimento e ristorazione direttamente interessati dal turismo) che rapprsentano il 3,8% dell’occupazione totale.
Anche per quanto concerne l’occupazione, per l’anno corrente (2012) è previsto un calo, nello specifico attorno all’1,3% , il che si traduce in 857.000 posti (3,8% dell’occupazione totale).
Le stime del WTTC indicano un aumento del contributo del turismo nell’occupazione entro il 2022 (in Italia 996,000 posti di lavoro generati in modo diretto con un incremento dell’1,5% all’anno nei prossimi 10 anni).

-Contributo totale all’Occupazione

Per quanto concerne , invece, il contributo totale del settore viaggi e turismo per l’occupazione (compresi quindi investimenti, impatti indiretti e indotti) in Italia questo è stato di 2.231.500 posti di lavoro nel 2011 (9,7% dell’occupazione totale). Anche in questo caso il dato nel corso di quest’anno dovrebbe scendere del 2,5%  , ossia a circa 2.176.000 posti di lavoro (9,6% dell’occupazione totale).
Entro il 2022, si prevedono 2.386.000 posti di lavoro (10,4% dell’occupazione totale), con un incremento dello 0,9% annuo.

 -Esportazioni e Investimenti

Le esportazioni dei visitatori sono una componente essenziale del contributo diretto del Turismo.

Nel 2011 l’Italia ha generato 30,5 miliardi di euro di esportazioni derivanti dai visitatori. Ci si aspetta una diminuzione per la fine di quest’anno dello 0,9%, anno durante il quale gli arrivi turistici internazionali verosimilmente saranno oltre i 45,5 milioni. Il wttc ipotizza una crescita fino a quasi 54 milioni di visitatori internazionali entri il 2022 generando una spesa di circa 32,7 miliardi di euro.

-INVESTIMENTI

Il settore dei Viaggi e del Turismo in Italia ha attirato investimenti di capitali per 12,6 miliardi nel corso del 2011. Per l’anno corrente si prevede una diminuzione del 6,2% ma, parallelamente, un aumento nei 10 anni successivi del 2% annuo circa, arrivando a circa 14,4 miliardi per il 2022.

Considerando il totale degli investimenti nazionali la quota derivante dal turismo si stima che passi dal 4% nel 2012 al 4,1% nel 2022.

 

-Altri Grafici riferiti al 2011 in Italia:

Contributo al Pil del settore Viaggi e Turismo in italia nel 2011 : Turismo Leisure e Turismo Business in proporzione:

 

 

 

 

 

 

Spesa turistica internazionale e spesa del turismo nazionale:

 

 

 

 

 

 

Contributo al PIL del settore turistico: quota derivante da impatti diretti e impatti indiretti+ indotti. Come si può notare, l’impatto totale è quasi il triplo dell’impatto diretto:

 

 

 

 

 

 

Ulteriori informazioni sono reperibili sul sito del WTTC

 

Condividi questo post con:
  • Facebook
  • Twitter
  • Wikio IT
  • LinkedIn
  • del.icio.us
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Google Buzz
  • Technorati
  • email
  • Add to favorites

2 Responses

  1. Marco
    | Rispondi

    I dati che pubblicate sono preziosi, ma mi permetto di segnalare un errore e di dare un suggerimento.
    L’errore è la “traduzione” dei dati: in italiano nei numeri le migliaia si separano con il punto e i decimali con la virgola.
    Il suggerimento è che sarebbe utile se indicaste la fonte diretta del dato (pagina, documento, ecc.) e non solo il link alla home page. in questo caso sarebbe stato: http://www.wttc.org/research/economic-impact-research/country-reports/i/italy/
    Saluti.

    mg

    • PureTourism
      | Rispondi

      Ciao Marco,
      inanzitutto grazie per la segnalazione e per il commento.
      Hai perfettamente ragione, provvederemo a correggere laddove ci siano state imperfezioni.

      Per quanto riguarda il link in genere esso è indirizzato specificatamente alla pagina (quando c’è un riferimento diretto) o al testo in PDF, tuttavia in alcuni casi è presente un link generico, di solito o quando non è riferito ad una pagina in particolare o, a volte, quando il documento originale viene elaborato in momenti successivi. In questo caso si è trattato di una dimenticanza.
      Il tuo suggerimento è sicuramente valido e aiuta a rendere più funzionale il reperimento del documento.

      Grazie e a presto 🙂

Lascia una risposta