Dove cercare strutture Eco-Friendly in Asia

con Nessun commento

Non è sempre facile reperire informazioni su strutture che realmente adottano principi sostenibili e quindi sostengono un turismo responsabile. Vi sono, tuttavia, imprese specializzate nella selezione e promozione di ricettività e tour operator responsabili. Una di queste è WildAsia, specializzata proprio nel sostenere uno sviluppo armonioso tra comuità locali e turismo e proteggere l’ambiente. La sua “area di azione” riguarda il continente Asiatico.
WildAsia è attivo dal 2006 offrendo informazioni sia a potenziali turisti che ad imprese e tour operators. A questo proposito essa organizza anche convegni e programmi educativi rivolti ai professionisti del settore turistico cercando di trasmettere il messaggio, in modo pratico, di come un turismo sostenibilie sia un vero valore aggiunto.

Tra le varie iniziative vi sono anche i “Tourism Award“, ossia delle onorificenze ai migliori hotel e operatori di viaggio a cadenza annuale. Ogni struttura che promuove turismo responsabile può partecipare alla selezione e se ,dopo le prime valutazioni, giunge tra i “semi-finalisti” lo staff di WildAsia si reca direttamente nei luoghi per effettuare una dettagliata valutazione. I criteri sui quali si basa l’accettazione e la valutazione finale è in linea con i criteri di sostenibilità turistca dell’UNWTO. Questi criteri vanno a valutare gli aspetti economici, ambientali e culturali del turismo.
Anche quest’anno, quindi, WildAsia ha comunicato le destinazioni vincitrici del suo “Tourism Award” 2010 relativamente a strutture ricettive e Tour Operator asiatici che svolgono la loro attività in maniera realmente responsabile.

Nella categoria “strutture ricettive di grandi dimensioni” al primo posto quest’anno vi è lo Sri Lanka.
In particolare a Dambulla con il suo Hotel Heritance Kandalama.
L’ Hotel è immerso nel verde ed è stato costruito in modo tale da massimizzare l’illuminazione naturale al fine di dimunuire il consumo energetico ed è completamente costruito su delle piattaforme rialzate che consentono all’acqua sottostante di scorrere tranquillamente. Questo consente anche agli animali di poter passare senza problemi sotto alla struttura, diminuendo così gli impati ambientali. Inoltre assicura un coinvolgimento della popolazione locale.

Nella categoria “strutture di media grandezza” troviamo il Sarinbuana Ecolodge a Bali, Indonesia. La caratteristica di questa struttura è che punta sulla preservazione ambientale e al rafforzamento della comunità locale. Utilizzano i più alti livelli di sostenibilità sotto ogni punto di vista della loro attività a partire dal materiale costruito per i bungalows (materiale locale sostenibile) con un impatto minimo sull’ambiente così come il supporto a tutte le altre attività locali insieme all’uso di materiali biodegradabili.

Nella Categoria “Tour operator”, quest’anno il premio va a Andaman Discoveries a Phang Nga, Thailandia. Questo Tour operator è solito discutere tutti gli aspetti di una pianificazione turistica con la comunuità locale promuovendo uno scambio rispettoso tra visitatori e comunità locale assicurando un ritorno economico alla popolazione stessa.

E’ possibile conoscere i vincitori delle edizioni passate qui: 2009, 2008, 2007, 2006.
Inoltre, sul sito WildAsia, è presente la “map of hope“, ovvero una mappa del continente asiatico con i migliori hotel eco-friendly.

WildAsia è un’iniziativa di tutto rispetto, ancora relativamente giovane (come già scritto è attivo dal 2006), ma sta svolgendo un ottimo lavoro. In Asia è l’unico punto di riferimento in questo ambito e nel tempo saranno selezionate sempre più strutture in linea con i criteri di sostenibilità. Se avete in mente un viaggio in Asia, è consigliata una visita al sito (in Inglese). Nel caso incontriate problemi nella navigazione del sito potete mandare una mail all’indirizzo visualizzato nella sezione contatti di PureTourism o lasciare un commento.

Condividi questo post con:
  • Facebook
  • Twitter
  • Wikio IT
  • LinkedIn
  • del.icio.us
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Google Buzz
  • Technorati
  • email
  • Add to favorites

Lascia una risposta