Vacanza Solidale in Mozambico: parti per un viaggio indimenticabile

con Nessun commento

Vacanza Solidale Mozambico estate 2016 HUMANA

Siete pronti a vivere un’esperienza unica e scoprire le bellezze del Mozambico? Tutto questo è possibile con la Vacanza Solidale organizzata da HUMANA People to People Italia ONLUS per l’estate 2016: un’occasione unica per conciliare solidarietà, conoscenza e relax.
Il soggiorno a Muzuane, località affacciata sull’Oceano Indiano, permetterà di sostenere la Scuola professionale a indirizzo turistico-alberghiero che HUMANA gestisce localmente. L’esperienza darà modo, inoltre, di prender parte alle attività di volontariato presso alcuni dei progetti che HUMANA gestisce in loco (scuole magistrali, professionali e asili, progetto TCE per la prevenzione dell’HIV/AIDS e progetto di sviluppo agricolo) e di godere di paesaggi naturali mozzafiato, di città patrimonio dell’UNESCO e di un cielo stellato come non lo si è visto mai!

“Slalom tra le dune rosse. Bambini incuriositi che ti scaldano il cuore. Ti lasci cullare dall’agio di aver trovato il tesoro più prezioso: l’amicizia. Tutti sotto lo stello cielo, in un mondo che non chiede, ma dà. Come ha fatto con me!
Grazie Africa per avermi insegnato che condividere è … Mi interessa, continuo a leggere--->

L’impatto economico del Turismo in Italia nel 2015

con 1 commento

Turismo Italia 2015: impatti economici

Come risulta chiaro dai dati raccolti, elaborati e pubblicati dall’UNWTO il turismo nel 2015 ha continuato ad espandersi e ad aumentare. Anche il turismo degli italiani in Italia ha raggiunto buoni risultati. Ma quale è stato l’impatto economico derivante dal settore Viaggi e Turismo in Italia?

I dati raccolti dal WTTC indicano un impatto economico ancora una volta positivo:

Il contributo diretto del settore turistico al PIL in Italia (per impatto diretto si intendono servizi direttamente connessi all’industria turistica quali strutture ricettive, servizi di ristorazione, trasporti, attrazioni e divertimenti)  è stato calcolato essere di 68,8 miliardi di Euro, il che si trraduce in un apporto al PIL del 4,2%. Ci si aspetta un ulteriore aumento del 2,1% per la fine dell’anno corrente (2016). Come già specificato si tratta di dati derivanti dagli impatti economici
generati da industrie direttamente legate al mondo turistco come Alberghi, agenzie di viaggi, trasporti aerei o altri trasporti per passeggeri oltre che attività di tipo “leisure” e ristorazione direttamente colpite da … Mi interessa, continuo a leggere--->

Alla scoperta dell’Alta via dei Monti Liguri

con Nessun commento
faiallo - alla scoperta dei monti liguri
Veduta del Passo del Faiallo ©Stefano Massari

 

L’Alta via dei Monti Liguri: scoprire una Liguria sconosciuta
442km di sentieri (segnati dal segnavia lungo l’arco appenninico ligure, suddivisi in 44 tappe che portano gli escursionisti da Ventimiglia a Ceparana (o naturalmente lungo il percorso contrario). E’ l’alta via dei monti liguri, un percorso istituito ufficialmente nel 1983, che ripercorre la linea di crinale che separa il versante mediterraneo da quello padano, due mondi che, da secoli, comunicavano e comunicano ancora proprio attraverso valli e passi dell’appennino ligure.

L’ITNERARIO
Un percorso che parte idealmente dall’estremo ponente ligure, sfiora il confine con la Francia e consente all’escursionista di andare alla scoperta della liguria ‘alpina’, quel territorio che culmina nei 2200 metri del monte Saccarello (la cima più alta della regione) costellato di antichi borghi quali Dolceacqua, Triora, Realdo o Verdeggia, nonché di fortificazioni risalenti ai conflitti mondiali e al regno sabaudo. Oltre il colle di San Bernardo si entra nell’entroterra savonese, l’altitudine diminuisce e si attraversano boschi secolariMi interessa, continuo a leggere--->

I Viaggi degli Italiani nel 2015

con Nessun commento

Copyright foto: rphotographystudio.com

Come risulta chiaro dal rapporto annuale dell’ UNWTO (Organizazione mondiale del turismo) il 2015 è stato ancora una volta un anno positivo per il turismo a livello internazionale (eccezion fatta per il continente africano in cui vi sono ,tra l’altro, dati limitati). Il continente che ha avuto maggior “successo” in termini di arrivi turistici internazionali è stato sicuramente l’Europa. Ma quali sono i numeri specifici per quanto riguarda i viaggi degli italiani nel 2015? Che tipo di turismo è stato maggiormente utilizzato dagli italiani? Quali destinazioni sono state maggiormente scelte come meta degli Italiani e degli stranieri?

A rispondere a questa domanda vi sono i dati ISTAT che aiutano a fare un punto sulla situazione turistica in Italia e a mettere in rilievo i dati completi relativi all’intero anno appena passato (2015).

Secondo i dati ISTAT gli italiani hanno effettuato, durante il 2015, 57 milioni e 17 mila viaggi con pernottamento, il che si traduce in un dato stabile rispetto al 2014. Sì può quindi affermare che gli … Mi interessa, continuo a leggere--->

2015: Nuovo record degli arrivi turistici internazionali

con Nessun commento

NUovo record degli arrivi turistici nel 2015

Il 2015 è stato ancora una volta un anno molto fruttuoso per quanto concerne il turismo. A sostenere questa considerazione vi sono i dati rilasciati dall’UNWTO nel suo ultimo rapporto. Difatti dalla rilevazione dei dati raccolti emerge che nei 12 mesi dell’anno appena trascorso il numero degli arrivi turistici internazionali (con pernottamento) è aumentato del +5,5%, stabilendo un nuovo record. Ciò significa che il numero ragguinto da questi è stato di 1,184 miliardi ovvero ben 50 milioni di arrivi in più rispetto al 2014 (che a sua volta aveva segnato un record).
Si tratta del sesto anno consecutivo in cui il numero degli arrivi internazionali segnano una impennata, con una media di crescita del 4% annuo a partire dal 2010.

E’ interessante notare che la domanda è stata forte praticamente ovunque, ovviamente con le dovute precisazioni e differenziazioni geografiche.

Nello specifico la crescita è stata maggiore nei paesi economicamente avanzati, con un aumento del +5% rispetto ai paesi appartenenti alle economie emergenti che hanno registrato … Mi interessa, continuo a leggere--->

L’esigenza di uno sviluppo alberghiero in chiave sostenibile.

con Nessun commento
Strategie alberghiere sostenibili
© Rickard Rivellini  www.rphotographystudio.com

Uno sviluppo sostenibile di una struttura ricettiva e, ancor piu’ importante, di una intera zona di interesse turistico , insieme a politiche e regolamentazioni restrittive e ben delineate atte a regolare un espansione turistica e quindi una corretta distribuzione della ricchezza derivante dal turismo sostenendo al contempo la preservazione naturale ed anche culturale di un intero Paese, è un passo importantissimo per il settore turistico (discorso che può e deve però estendersi anche agli altri settori). Ci sono molti casi studio e molti rapporti che indicano i benefici, per lo più spesso anche molto intuitivi, derivati da uno sviluppo di questo tipo , e quindi sostenibile e responsabile.

I vantaggi sono innumerevoli, sia in una visione micro, e quindi intesi come una diminuzione dei costi per le singole imprese ( ed in caso di investimenti iniziali vi sarà un susseguente ritorno di investimento) derivanti da politiche gestionali ad hoc e processi di uso riuso e riciclaggio e sia in una visione macro, a vantaggio dell’intero … Mi interessa, continuo a leggere--->

Premio Turismo Sostenibile 2015 / 2016!

con Nessun commento

ITACA Premio Sostenibilità 2016Bologna-Welcome-Premio sostenibilità
IT.A.CÀ migranti e viaggiatori: festival del turismo responsabilewww.bolognawelcome.com indicono la seconda edizione del PREMIO TURISMO SOSTENIBILE/cultura, enogastronomia e cicloturismo 2015 / 2016.

 -30.000 euro in palio per sei progetti-

IT.A.CÀ e i suoi partner vogliono promuovere le attività turistiche capaci di contribuire all’innovazione sociale della città metropolitana, cioè tutte le realtà in grado di riconoscere e valorizzare la centralità della comunità locale, di salvaguardare le tradizioni e di contribuire allo sviluppo umano, sociale e civile delle persone e dei loro luoghi fuori dai circuiti turistici tradizionali. Lo scopo dell’iniziativa è premiare le migliori pratiche nel campo del turismo sostenibile legate al territorio di Bologna e provincia e alle sue specificità artistiche culturali ed enogastronomiche.
Quest’anno fa il suo ingresso anche la categoria del cicloturismo, il settore che in questi anni ha rivelato la capacità di animare le micro-economie di intere regioni e che trasforma passioni e competenze in nuove professionalità. Dopo il successo della prima edizione del contest, sono stati stanziati 30 mila euro per far sì … Mi interessa, continuo a leggere--->

1 2 3 4 5 6 19