Alla scoperta dell’Alta via dei Monti Liguri

con Nessun commento
faiallo - alla scoperta dei monti liguri
Veduta del Passo del Faiallo ©Stefano Massari

 

L’Alta via dei Monti Liguri: scoprire una Liguria sconosciuta
442km di sentieri (segnati dal segnavia lungo l’arco appenninico ligure, suddivisi in 44 tappe che portano gli escursionisti da Ventimiglia a Ceparana (o naturalmente lungo il percorso contrario). E’ l’alta via dei monti liguri, un percorso istituito ufficialmente nel 1983, che ripercorre la linea di crinale che separa il versante mediterraneo da quello padano, due mondi che, da secoli, comunicavano e comunicano ancora proprio attraverso valli e passi dell’appennino ligure.

L’ITNERARIO
Un percorso che parte idealmente dall’estremo ponente ligure, sfiora il confine con la Francia e consente all’escursionista di andare alla scoperta della liguria ‘alpina’, quel territorio che culmina nei 2200 metri del monte Saccarello (la cima più alta della regione) costellato di antichi borghi quali Dolceacqua, Triora, Realdo o Verdeggia, nonché di fortificazioni risalenti ai conflitti mondiali e al regno sabaudo. Oltre il colle di San Bernardo si entra nell’entroterra savonese, l’altitudine diminuisce e si attraversano boschi secolari quali le faggete del colle del Melogno. Anche in questa zona sono tanti i borghi ricchi di fascino e storia, come gli abitati di Castelvecchio di Rocca Barbena, Zuccarello o Finalborgo (il centro storico retrostante Finale ligure).

segnavia
Segnavia Alta Via dei Monti Liguri dipinto su una casa diroccata nei pressi del Passo del Faiallo

 

Boschi e riserve naturali accompagnano il passaggio dalla provincia di Savona a quella di Genova, a cavallo delle quali si trovano le bellezze del parco del Beigua, la zona appenninica più vicina al Mediterraneo (il monte Beigua con i suoi 1200 metri di altitudine dista solo 5 km in linea d’aria dalla costa). E’ un altro passo, quello del Faiallo, ad introdurre i viaggiatori nel genovesato: il percorso in questo tratto si fa particolarmente panoramico, correndo spesso lungo le linee di crinale.

Si attraversano zone con una storica vocazione contadina di cui rimangono testimonianze quali le neviere, ma che testimoniano anche il sacrificio dei liguri durante la seconda guerra mondiale: in queste aree, infatti, operavano i partigiani tra il 1943 ed il 1945 e qui troviamo il Sacrario dei Martiri del Turchino, che ricorda l’eccidio compiuto dalle SS tedesche in cui persero la vita 59 persone. Si lascia quindi il genovesato ed il percorso conduce oltre il passo della Scoffera nel levante ligure, attraverso il territorio di due grandi aree protette: il parco regionale del monte Antola e quello dell’Aveto. Pur non arrivando alle altezze trovate sulle alpi liguri, in questa zona l’arco appenninico torna ad innalzarsi e, complice la distanza dalla linea di costa, le temperature ad abbassarsi. L’itinerario sfiora quindi il confine con l’Emilia e, superati i dintorni di Varese ligure, entra nell’ultima parte della via, in val di Vara dove, superato l’ultimo ostacolo appenninico (il monte Gottero con i suoi 1600 metri) degrada verso Ceparana .

 

Valdaveto Foto:©Stefano Massari
Valdaveto Foto:©Stefano Massari

PERCHE’ E PER CHI
Si va in Alta Via per riscoprire territori antichi, per esplorare una vera e propria ultima frontiera sempre più in pericolo, o semplicemente per respirare aria buona o mangiare i piatti della tradizione gastronomica ligure, in una delle tante strutture ricettive e ristoranti che costellano il percorso.

QUANDO
Tutto l‘itinerario e percorribile per tutto l’anno, anche se bisogna tener conto che durante la stagione invernale il freddo e la neve possono impedire l’accesso alle zone più elevate, mentre in estate il caldo intenso può rendere estremamente disagevole percorrere gli itinerari meno elevati.

Per informazioni sulle strutture ricettive: Agriturist agriturismi in Liguria

Articolo a cura di Stefano Massari.

Summary
L'Alta via dei Monti Liguri: scoprire una Liguria sconosciuta
Nome Articolo
L'Alta via dei Monti Liguri: scoprire una Liguria sconosciuta
Descrizione
Alla scoperta dei Monti LIguri con 442km di sentieri suddivisi in 44 tappe che portano gli escursionisti da Ventimiglia a Ceparana.
Autore
Condividi questo post con:
  • Facebook
  • Twitter
  • Wikio IT
  • LinkedIn
  • del.icio.us
  • Digg
  • Google Bookmarks
  • Google Buzz
  • Technorati
  • email
  • Add to favorites

Lascia una risposta